GESAMTKATALOG
AUTOREN
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
ANMELDEN ABMELDEN

contentPane

In viaggio con MARCO CAVALLO

LA COLLANA 180 – ARCHIVIO CRITICO DELLA SALUTE MENTALE

IN VIAGGIO CON MARCO CAVALLO
NEL MONDO DI FUORI


Edizioni alphabeta Verlag con stopOpg per CHIUDERE gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari e per APRIRE i Centri di Salute Mentale 24 ore
 

 

Edizioni alphabeta Verlag e la sua collana 180 - archivio critico della salute mentale, che nasce nel 2010 per tenere viva l'attenzione e stimolare il “pensiero critico” intorno ai temi della salute mentale, sostengono l'iniziativa “Marco Cavallo è in viaggio con stopOPG: per CHIUDERE gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, per APRIRE i Centri di Salute Mentale 24 ore”.
Il viaggio di Marco Cavallo, il cavallo azzurro che quarant’anni fa sfondò il muro di cinta del manicomio di Trieste, diventando da quel giorno simbolo di libertà e di speranza parte il 16 maggio 2013 da Brescia, per toccare Castiglione delle Stiviere (sede di OPG), Reggio Emilia (sede di OPG) e ritornare a Brescia. Una tre giorni, che sarà la prova generale del viaggio che il “vero” Marco Cavallo intraprenderà a ottobre. Durante il viaggio tutti i libri della collana 180 saranno a disposizione del pubblico.

Così Franco Basaglia descrive Marco Cavallo: “È difficile dire cosa sia Marco Cavallo. Una cosa è certa: per i “matti” e per tutti noi ha avuto una profonda importanza. Un momento che segnò un inizio; un progetto di vita che non aveva niente più in comune con la soffocante quotidianità del manicomio, che rappresentava piuttosto un legame tra individui in una nuova dimensione. Quando il cavallo azzurro lasciò il ghetto, centinaia di ricoverati lo seguirono. Gli internati dell’ospedale invasero le strade della città portando con sé la speranza di poter stare insieme agli altri in un aperto scambio sociale, in rapporti liberi tra persone libere”.

Questa volta “Marco Cavallo è in viaggio con stopOPG: per CHIUDERE gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, per APRIRE i Centri di Salute Mentale 24 ore”. E’ dunque un viaggio di denuncia, perché gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari italiani sono ancora in funzione, con oltre mille persone internate, rinchiuse in luoghi che il Presidente Napolitano ha definito “indegni per un Paese appena civile”. Ma il viaggio lancia anche un allarme: al posto degli OPG si stanno progettando delle “strutture speciali” in ogni regione (i mini OPG), in cui trasferire e rinchiudere gli internati. Con il rischio si aprano, al posto dei vecchi manicomi giudiziari, nuovi manicomi regionali. La mancata chiusura degli OPG è, anche, lo specchio di come funzionano (o non funzionano) i servizi di salute mentale nel territorio. Ecco perché il viaggio è dedicato all’apertura dei Centri di Salute Mentale 24 ore. Infatti, chiudere gli OPG significa fare buona assistenza nel territorio per la salute mentale per tutti i cittadini, come ha stabilito la legge 180, e come è successo dove i servizi di salute mentale sono visibili, attraversabili e vicini: con la "presa in carico” delle persone e dei loro familiari, con Centri di salute mentale accoglienti, aperti 24 ore e integrati con i servizi comunitari territoriali, con la progettazione di forme abitative sostenute, di formazione al lavoro e di inclusione lavorativa e sociale.

Così Marco Cavallo è ancora in viaggio, per chiudere gli OPG, scongiurare l'apertura al loro posto dei manicomi regionali (miniOpg), e tornare allo “spirito originale” della legge 180 che, chiudendo i manicomi, restituì dignità e cittadinanza alle persone malate di mente, e rese migliore l’Italia.

Il viaggio, organizzato dal Comitato stopOPG, si svolgerà in due momenti:


- a Maggio con tappe a: 16 - Brescia, 16 e 17 - Castiglione delle Stiviere (sede di OPG), 17 Reggio Emilia (sede di OPG), 18 – Brescia;

- a Ottobre da sud a nord: Barcellona Pozzo di Gotto, Napoli, Aversa, Roma, Montelupo Fiorentino e ... dove Marco Cavallo verrà invitato e ospitato.

 

Giuliano Scabia
Marco Cavallo
Da un ospedale psichiatrico la vera storia che ha cambiato il modo di essere del teatro e della cura
Un classico del teatro. Una rivoluzione per la psichiatria.

2011, Euro 20,00’; pp. 240; DVD allegato
ISBN 978-88-7223-156-2

Nuova edizione con contribuiti di Franco Basaglia, Umberto Eco e Peppe Dell’Acqua.
E un DVD commentato da Giuliano Scabia e Peppe Dell’Acqua
Riedizione a cura di Elisa Frisaldi



Archiv