GESAMTKATALOG
AUTOREN
A B C D E F G H I J K L M N O P R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
ANMELDEN ABMELDEN
DAS BUCH

Kenka Lekovich

Se improvvisamente il treno si fermasse a Maglern

12 racconti di confine più uno

Il pretesto narrativo che introduce e innesca questi racconti di confine è l’assidua frequentazione di un treno – precisamente l’Eurocity Roma-Vienna, sul tratto che da Udine conduce a Bruck an der Mur – da parte dell’alter ego della scrittrice: “tale Barbara Batos di professione romanziera”, la quale incontra sul convoglio tutta una serie di passeggeri/personaggi che costituiranno, brano dopo brano, le voci narranti del testo.


 

[…] Più di due mesi ho viaggiato in balia degli umori, lo si può ben dire, dell’Eurocity Roma-Vienna, ogni volta arrivando a destinazione con il dubbio se avevo viaggiato oppure se avevo soltanto immaginato di viaggiare. I biglietti che per fortuna ho conservato, usandoli come segnalibri, confermano che ho viaggiato, che su quel treno, in quel dato giorno, a quelle date ore, io definitivamente ero stata. Io. Ma Bettina? Òblak? Hannes? Ina? Marilena? Erano davvero su quel treno? Ho davvero visto Marilena scendere a Pontebba e dileguarsi come un vapore sull’acqua?Non ho mai trovato il biglietto di Marilena o il biglietto di Bettina, né sono riuscita a trovare quello di Hannes, di Ina e di Òblak. Non vedo perché avrei dovuto: ognuno di loro, com’è logico, è sceso dal treno portando con sé il proprio biglietto. Non ho pertanto nessuna prova dell’esistenza di Òblak e di Bettina, di Marilena, di Hannes e di Ina […].

 

  • italiano
  • 2010
  • pp 92
  • EUR 10,00
Vi consigliamo anche
Der Zug hält nicht in Ugovizza